Thursday, April 3, 2014

Video svela il complotto giudiziario contro Alba Dorata, si dimette consigliere del premier

Atene, 3 apr – Il  segretario generale Panayotis Baltakos, considerato uno dei principali uomini di fiducia del premier greco Antonis Samaras, si è dimesso ieri in seguito alla diffusione di un filmato che riprende una sua conversazione con il parlamentare di Alba Dorata Ilias Kasidiaris.
Durante il colloquio, registrato a sua insaputa attraverso una telecamera nascosta, Baltakos ammette che la persecuzione giudiziaria del movimento nazionalista avviata con il pretesto della morte di un rapper antifascista fu in realtà frutto di una strategia politica studiata a tavolino insieme a polizia e magistratura per frenare l’ascesa di Alba Dorata e la conseguente emorragia di consensi di Nuova Democrazia, il partito di centrodestra del primo ministro greco.

Lo stesso braccio destro del premier ammette che non c’era alcuna prova a carico dei membri di Alba Dorata e individua nei ministri di Giustizia e Interni Charalambos Athanassiou e Nikos Dendias i diretti mandanti degli arresti ad orologeria.
Il video è stato trasmesso anche dalla televisione greca ed ha suscitato notevole indignazione nell’opinione pubblica tanto da portare alleimmediate dimissioni del segretario Baltakos. Da parte del governo l’unica risposta ufficiale al momento è quella del ministro della Giustizia Athanassiou che nega ogni addebito e ingerenza nelle indagini.
Probabilmente la bufera politica è solo all’inizio ed il timore che serpeggia negli ambienti governativi è che l’operazione politico-giudiziaria imbastita contro Alba Dorata con lo scopo di stroncarne il consenso popolare dopo questo autogol rischi seriamente di generare un effetto boomerang che ne aumenti ulteriormente i voti in vista delle recenti elezioni amministrative ed europee.

Di seguito riportiamo la trascrizione in italiano del colloquio, presentata ufficialmente da Kasidiaris anche al Parlamento Greco:
Kasidiaris : Quando sono uscito di prigione come ha reagito Samaras, puoi dirmelo?
Baltakos : Era in America in quel momento.
Kasidiaris : Sì lui era in America. Ho sentito che è uscito pazzo.
Baltakos : Era scioccato e sbalordito! E ‘stato il caos, una tempesta di merda … lui non mi ha chiamato, lo avevo messo in guardia su ciò che stava facendo … lo avevo avvertito. Non ha voluto parlare con me di questo. Ha chiamato gli altri due, Athanasios [Ministro della Giustizia] e Dendias [Ministo degli Interni], e gli ha dato addosso cazzo!: “Mi avete ingannato, che cosa è questo! Sono stato umiliato!” Perché il giorno prima aveva fatto una dichiarazione alla conferenza sionista in America dove diceva ‘ce l’ho fatta, li ho rinchiusi vedete!’. E il giorno dopo sei uscito.
Kasidiaris : Cos’è successo, come mail il magistrato ci ha lasciato uscire fuori a quel punto? Perché hanno fatto una capriola dopo averci fatto fuori?
Baltakos : Vi hanno lasciato fuori per il semplice motivo che non ci sono prove.
Kasidiaris : Sì è vero non c’era nulla.
Baltakos : E nessuno fece pressioni per convincerli perché tutti pensavano che fosse scontato. Ma il magistrato non aveva alcuna prova. Niente!
Kasidiaris : Ma non c’erano prove neanche contro gli altri…
Baltakos : Ma per gli altri ci sono state … [Baltakos fa il gesto del telefono all’orecchio per indicare che erano state fatte delle telefonate di pressione ai funzionari di giustizia al fine di garantire che gli altri parlamentari non fossero rilasciati]
Kasidiaris : Chi ha fatto il danno?
Baltakos : Entrambi.
Kasidiaris : Dendias e Athanasiou?
Baltakos : E chi sennò?
Kasidiaris : E che cosa aveva da dire Samaras su questo, si rendeva conto di cosa stava succedendo?
Baltakos : All’inizio niente. Poi quando ha visto i sondaggi… Borghese come lui ha pensato queste ‘fantastiche’ cose: ‘Caleranno del 2%’. Io gli ho detto ‘Penso che andranno al 20 % ‘ e lui mi dice ‘Sei un idiota’.
Kasidiaris : Chi gli ha detto di fare queste cose?
Baltakos : Prima di tutto ha paura per se stesso . Poiché voi gli impedite di avere un vantaggio su Syriza.
Kasidiaris : Certo gli stiamo prendendo voti.
Baltakos : Logico.
Kasidiaris : E perché gli prendiamo voti lui ha deciso di metterci in galera?
Baltakos : Quel bastardo! E’ una cosa incredibile, incredibile!
Kasidiaris : E quello che ha detto Roupakiotis? [Avvocato ed ex-ministro della Giustizia il quale sostiene che Samaras agiva su ordine di sionisti e americani]
Baltakos : Questo è certo . Voglio dire, lo ha fatto proprio la settimana che stava lì negli Stati Uniti.
Kasidiaris : E Goutzamanis? [Pubblico Ministero] Le cose che ha fatto? Eppure io sapevo che era di destra e rispettoso delle leggi.
Baltakos : [Fa il simbolo della croce cristiana]
Kasidiaris : E’ religioso?
Baltakos : Sì.
Kasidiaris : Perché ha fatto queste cose atroci?
Baltakos : L’hanno convinto che siete pagani, idolatri, nazisti e l’opposto dei cristiani.
Kasidiaris : Chi l’ha convinta di questo ?
Baltakos : Athanasiou e Dendias
Kasidiaris : Dovresti andare dal magistrato e dire chi ha ordito questo piano. Che Athanasiou diede ordine a Goutzamani, che Samaras ha dato l’ordine ad Athanasiou e dovrebbe essere messi sotto processo. Se sei un uomo che è quello che devi fare.
Baltakos : Se facessi così ci sarebbe una udienza preliminare di mezz’ora e poi archivierebbero tutto.
Kasidiaris : Lo pensi eh?
Baltakos : Sicuro! Con un governo Samaras? Da quale magistrato dovrei andare? Goutzamani è il magistrato. Devo andare a denunciare Goutzamani da Goutzamani stesso?
Kasidiaris : Come ha fatto Goutzamani a diventare procuratore della Corte Suprema?
Baltakos : Sono dello stesso paese [Goutzamani e Athanasiou]
Kasidiaris :: Ah, così sta pagando il suo debito di riconoscenza.
Baltakos : Sì, sono dello stesso paese. Beh non proprio la stessa frazione ma nelle vicinanze. Hanno quasi la stessa età, hanno fatto gli stessi esami, sono della stessa zona. Non c’è bisogno di sorprendersi.
http://www.ilprimatonazionale.it/2014/04/03/video-svela-il-complotto-giudiziario-contro-alba-dorata-si-dimette-consigliere-del-premier/