Sunday, September 26, 2010

MILANO 25 SETTEMBRE, MANZONI:CHI C'ERA, SA.

Sono le 13.00 e in via Caminadella arrivano una decina di giovani forzanovisti. Repubblica ha pubblicato la notizia che al blasonato liceo Classico Manzoni, ci sarebbe stato un volantinaggio dei nostri.
Il tam tam tra le zecche corre veloce via internet.
La Digos, qualche giorno prima ci ha vietato un banchetto politico in piazza S.Babila.
La Digos θ informata della nostra attivita' di oggi davanti alla scuola, tanto da telefonarci la mattina presto per i dettagli.
La Digos blocca i nostri ragazzi nella via.
La Digos presidia via Orazio e lo slargo davanti al Manzoni. In pochi minuti proprio da quella direzione arrivano una settantina di appartenenti ai cessi sociali milanesi che si sono riuniti per l’occasione.
Sono armati di tutto punto. Bastoni, pietre, spranghe, assi di legno. E sono passati indisturbati davanti alla Digos. Quella stessa Digos che continua a tenere bloccati i nostri imepedendogli di fatto una legittima difesa.
Le zecche, proprio come fanno le iene con i leoni stanno a debita distanza, abbozzano patetici attacchi contro i nostri ragazzi disarmati tentando di circondare in 20 contro uno chi dei nostri si trova avanti a tutti. Lanciano la loro pattumiera.
Toni ha la faccia insanguinata, un paio di camerati lo strappano dai prodi antifΰ che sono riusciti a circondarlo. Una zecca scivola e picchia la faccia sul duro cemento sporcandolo di rosso.
Lo sguardo di Toni, immortalato oggi da tutti giornali θ il nostro sguardo. Il suo odio θ il nostro.
Guardatelo bene: noi non abbiamo paura. Ci si vede. Presto.

Forza Nuova Milano

Ascolta cosa θ successo: http://tv.repubblica.it/edizione/milano/milano-guerriglia-al-liceo-manzoni-parla-il-ferito/53666?video=&pagefrom=1&ref=HREC2-4

http://www.milano.forzanuova.info/blog/